128 JAZZISTI BERGAMASCHI SUL PALCO DELL’INTERNATIONAL JAZZ DAY

“Il jazz è più di una forma artistica musicale. È l’affermazione della nostra capacità di collaborare e cooperare pacificamente nel rispetto delle profonde differenze, di parlare con le nostre voci individuali mentre rispettiamo e celebriamo la collettività.”

Con queste parole Herbie Hancock, Ambasciatore UNESCO per l’International Jazz Day e pianista leggendario, scriveva nel 2015 al CDpM apprezzando e sostenendo la manifestazione della nostra città che si è sviluppata ed estesa in questi anni occupando pacificamente diversi luoghi in tutto il mese di aprile.

A tutt’oggi circa 2.500 persone hanno seguito gli eventi già realizzati tra concerti, seminari, convegni, mostre fotografiche, presentazioni discografiche e letterarie. Una rete di oltre 30 partner pubblici e privati tra cui il Comune di Bergamo e la Regione Lombardia coordinata dal CDpM. Si è quindi giunti alla fatidica data mondiale del 30 aprile e all’Auditorium della Libertà a partire dalle ore 20 si alterneranno 25 formazioni jazzistiche in prevalenza di giovani musicisti di Bergamo e del nord Italia per presentare composizioni originali, tema dell’edizione 2018. Ecco l’elenco completo dei gruppi e dei musicisti: CDpM vocal ensemble; Michele Gentilini, Marco Esposito, Vittorio Marinoni;  Suonintorno choir; The Orobians, Rapsodia in Blue: Elisa Roncalli, Beppe D’Avino; Carolina Pasinetti, Tommaso Lando Simone Pagani, Luca Bongiovanni; M&M’s schools Horns: Andrea Rubini, Max Pierini, Davide Bussoleni, Loris Bono, Davide Corti, Marco Aceti, Andrea Terzi; Paolo Manzolini, Vittorio Marinoni, Marco Esposito, Giovanni Colombo; Pure Joy: Joy Grifoni, Guido Bombardieri, Francesco Baiguera, Mattia Manzoni, Davide Bussoleni; Martina Cirillo, Francesco Gervasoni, Simone Pagani Luca Bongiovanni; Beppe D’Avino 4et; Kaleido trio: Davide Capoferri, Matteo Belotti, Luca Bongiovanni; Leg’gio 4et Milzani, Zambetti, Comeglio, Biagioni; Double Deal: Luca e Gianni Bongiovanni, Piero Pasini, Pietro Berti, Nicholas Lecchi; Ermanno Novali trio, Luca Pissavini, Matteo Milesi; Argentina Reunion;  Neranima Marilla Talarico, Gabriella Mazza, Roberto Chiodi, Simone Pellegrini, Ermanno Novali; Fabio Brignoli trio, Stefano Bertoli, Fidel Fogaroli; Marco Scotti + Carmina trio Marco Scotti, Marco Gotti jr, Thomas e Simone Pagani, Gionata Giardina; Fabrizio Garofoli, Marco Gamba, Robi Marchesi; Organ trio: Angelo Cultreri, Federico Duende, Tommaso Lando; Sandro Massazza, Roby Marchesi duo; Fidel Fogaroli piano solo; Carmina Trio; Marco Capoferri, Giovanni Colombo duo.

128 musicisti solo nella giornata del 30 aprile che, sommati ai quelli che hanno partecipato agli eventi precedenti, arrivano a 277. Un numero sicuramente importante quantitativamente per una media città di provincia come Bergamo, che si conferma un’isola davvero felice per la musica improvvisata. I numeri non rendono però giustizia del livello qualitativo raggiunto che declina gli stili del jazz con diversi influssi e linguaggi. Una vera comunità musicale che parte già dalle scuole ad indirizzo musicale per giungere all’alta specializzazione documentata dai numerosi diplomi accademici di I e II livello in jazz rilasciati dalla University of West London e il Trinity College London attraverso il Centro Didattico produzione Musica.

All’interno dell’esibizione del 30 aprile è stato ritagliato un concorso di composizione riservato ai giovani under 35 e dedicato alla memoria di Paolo Arzano e consistente in una giornata presso lo studio MC Harmony di Manlio Cangelli. Ecco i loro curricula:

  • Joy Grifoni, diplomata in contrabbasso, ha già al suo attivo diverse incisioni discografiche e collaborazioni di prestigio in Italia e in Europa. Vincitrice del premio Umbria Jazz 2010. Si sta perfezionando in canto con Elena Biagioni al CDpM.
  • Martina Cirillo, dopo essersi specializzata al CDpM conseguendo l’ottavo grade al Trinity College si dedica all’insegnamento della tecnica vocale presso l’Accademia Studi Musicali di Bergamo.
  • Carolina Pasinetti, si dedica al canto dopo aver studiato sassofono con Guido Bombardieri. Interessata a diversi generi musicali collabora con la band Asseneutro e il suo nuovo quartetto.
  • Nicholas Lecchi, studia sassofono jazz con Giulio Visibelli al CDpM e musica classica al Conservatorio Marenzio di Brescia. Ha vinto nel 2015 una borsa di studio al Festival Jazz di Mortara con Francesco Cafiso. Suona con il Double Deal 5et e al CDpM Europe big band.
  • Davide Capoferri, chitarrista. Alterna le esibizioni jazzistiche con il Kaleido trio a quelle prog con gli Slogan. Mentre si sta laureando al Politecnico di Milano, studia al Conservatorio Verdi di Como e al CDpM.

Ingresso libero. Inizio ore 20

data di pubblicazione: domenica 29 aprile 2018

Contatti

CENTRO DIDATTICO produzione MUSICA
Via Edmondo de Amicis, 6
24127 Bergamo

In evidenza

Latest News

  • Guido Bombardieri E Oscar Del Barba Al Bevero
    Leggi tutto

  • Torna Jazziamo - Jazz under 30
    Leggi tutto

  • Inizia la rassegna Bevero Q - Jazz con Pasinetti, Chebat, Sacchitella
    Leggi tutto

  • Gianluigi Trovesi e Gianni Bergamelli Seminario CDpM
    Leggi tutto