TROVESI, ANGELERI, SCOTTI, ORLANDI, PIRAS, BRAGALINI ALL’INTERNATIONAL JAZZ DAY

Particolarmente intensa la seconda settimana di Bergamo per International Jazz Day 2018 con quattro concerti, due seminari e due mostre fotografiche tutti incentrati sul tema della composizione. Si inizia lunedì 16 aprile alle ore 20 al CDpM con la lezione concerto di Claudio Angeleri, Marco Esposito e Luca Bongiovanni sulla composizione jazz e la “negative harmony”. Si tratta del tema del momento salito alla ribalta grazie al talentuoso polistrumentista Jacob Collier.

Mercoledì 18 aprile alle 21 al Tagliere di Nese si terrà una sorta di maratona jazzistica in cui si alterneranno 50 musicisti dei corsi avanzati di perfezionamento jazz del CDpM. Contemporaneamente, sempre al Tagliere, si potrà visitare la mostra di Vincenzo Magni “Comporre la fotografia” e dedicata alla Città di San Pietroburgo, host city del concerto globale UNESCO. La mostra di Magni ha una estensione presso il negozio Mandarina Duck di via Papa Giovanni.

Giovedì 19 alle 21 ci si sposterà al Polo Culturale One HeART Factory di Gorlago per il concerto del quartetto della JW orchestra. Si tratta di una formazione che allinea alcuni tra i principali solisti della big band di Marco Gotti tra cui il noto trombettista Sergio Orlandi, il batterista Stefano Bertoli e il pianista Francesco Chebat.

Sabato 21 aprile alle ore 21 in collaborazione con il Comune di Azzano San Paolo e l’Associazione Jazziamo Jazz in Azzano presso l’auditorium delle scuole medie si esibirà il sassofonista Marco Scotti, noto per le sue collaborazione europee con i Big One, insieme al Carmina Trio nella prima parte. Nella seconda parte si esibirà un trio a vocazione fusion: Kaleido Trio. Si tratta di una formazione di giovani talenti che propone musica originale forte delle abilità strumentali di Davide Capoferri alla chitarra, Matteo Belotti al basso e Luca Bongiovanni alla batteria.

Domenica 22 aprile sarà il clou della settimana con il Convegno “On composition” alle 17 alla sala Galmozzi nel corso del quale i musicologi Marcello Piras e Luca Bragalini analizzeranno la figura di Duke Ellington, uno tra i massimi compositori del 1900, mentre lo storico dell’arte Enrico De Pascale traccerà alcune coordinate tra i processi compositivi in musica e nell’arte figurativa. Alle 21.30 al Druso di Ranica Gianluigi Trovesi presenterà l’uscita del suo disco Mediterraneamente che, nato nel 2106 come produzione originale del festival Notti di Luce, oggi viene ufficialmente lanciato sul mercato discografico. Il gruppo, inizialmente noto come Quartetto Orobico con i talentuosi Paolo Manzolini, Marco Esposito e Vittorio Marinoni, si avvale nel disco della collaborazione del percussionista Fulvio Maras, oltre al leader Gianluigi Trovesi ai clarinetti e al sax alto. Tutti gli eventi sono ad ingresso libero.

 

data di pubblicazione: sabato 14 aprile 2018

Contatti

CENTRO DIDATTICO produzione MUSICA
Via Edmondo de Amicis, 6
24127 Bergamo

In evidenza

Latest News

  • Echi del Sacro di Gianluigi Trovesi a Santa Marta
    Leggi tutto

  • SINESTESIE Simposi delle Arti in S.Andrea
    Leggi tutto

  • Giovani talenti jazz, pop e rock del CDpM al Modernissimo di Nembro, al Parco dei Colli e alla Festa europea della Musica
    Leggi tutto